#iorestoinSALA: presentazione del film
"50 – SANTARCANGELO FESTIVAL"
di Michele Mellara e Alessandro Rossi

Lunedì 15 marzo, ore 20.30

sale virtuali #iorestoinSALA

50 – Santarcangelo Festival di Michele Mellara e Alessandro Rossi

EVENTO SPECIALE IN ESCLUSIVA SU #iorestoinSALA IL 15-16-17 MARZO
La storia di Santarcangelo Festival, dal 1971, anno della prima edizione, ad oggi. Cinquant’anni di teatro e non solo.

Il racconto della più longeva manifestazione italiana dedicata alle arti della scena contemporanea, attraverso la voce dei suoi direttori artistici e dei tanti spettacoli che si sono avvicendati nelle diverse edizioni.
Tutto questo è 50 – Santarcangelo Festival, il nuovo documentario della premiata coppia di autori bolognesi, Michele Mellara e Alessandro Rossi, che debutta come evento speciale in esclusiva sulla piattaforma #iorestoinSALA il 15, 16 e 17 marzo!

Il film sarà presentato lunedì 15 marzo alle ore 20.30 dai registi Michele Mellara e Alessandro Rossi, insieme a Mariangela Gualtieri e Cesare Ronconi del Teatro Valdoca, introdotti da Fabrizio Grosoli.

🔸 ore 20.30 presentazione in streaming del film fruibile sulla pagina facebook di spazioCinema
🔸 ore 21.00 programmazione in streaming del film // biglietti acquistabili su www.spaziocinema.info

Orti Letterari | Punto Einaudi consiglia...

La libreria Orti Letterari | Punto Einaudi, situata al piano terra di Anteo Palazzo del Cinema - a fianco del Caffè Letterario - è aperta! 

I consigli della settimana fanno riferimento al mondo delle arti performative, coerentemente con i nuovi film in programmazione nelle sale virtuali di Anteo. 

 

Sally O'Reilly, Il corpo nell'arte contemporanea
 
ilcorpo
Gli sviluppi storico-artistici, socio-politici e culturali, a partire dal femminismo radicale degli anni 70 per giungere alle piú recenti scoperte scientifiche, hanno esercitato una profonda influenza sul modo degli artisti di rapportarsi e rappresentare la forma umana. Questo libro offre una panoramica dell’arte internazionale che, dai primi anni 90 a oggi, colloca il corpo al centro della propria attività. Organizzato tematicamente, Il corpo nell’arte contemporanea passa in rassegna ambiti quali la natura e la tecnologia, il grottesco, le politiche identitarie e il posto occupato dal corpo nel contesto sociale. Attraversando forme artistiche diverse quali la pittura, la scultura, l’installazione, la video art e la performance, Sally O’Reilly esplora le infinite varianti con cui il corpo ha ispirato una generazione di artisti. Alternando l’analisi di artisti internazionalmente affermati a protagonisti emergenti della scena internazionale, quali Francis Alys, Marlene Dumas, Matthew Barney, Oleg Kulik, Rineke Dijkstra e Ernesto Neto, questo saggio mette in evidenza come il corpo continui a costituire un punto di riferimento fondamentale per la comprensione e l’interpretazione del nostro posto nell’universo.
Marina Abramovic, Attraversare i muri
abramovic
Nel 2010, in occasione della retrospettiva che il MoMA dedicò a Marina Abramović, più di 750mila persone aspettarono in fila fuori dal museo per avere la possibilità di sedersi di fronte all'artista e di comunicare con lei senza dire una parola, in una performance senza precedenti durata più di settecento ore. Una celebrazione di quasi cinquant'anni di performance art rivoluzionaria. Figlia di genitori comunisti, eroi di guerra sotto il regime di Tito nella Jugoslavia postbellica, Marina Abramović fu cresciuta secondo una ferrea etica del lavoro. Agli esordi della sua carriera artistica internazionale viveva ancora con la madre e sotto il suo totale controllo, obbedendo a un rigido coprifuoco che la costringeva a rincasare entro le dieci di sera. Ma nulla poté placare la sua insaziabile curiosità, il suo desiderio di entrare in contatto con la gente e il suo senso dell'umorismo. Tutto ciò che ancora oggi la contraddistingue e dà forma alla sua vita. Al cuore di ''Attraversare i muri'' c'è la storia d'amore con il collega perfomance artist Ulay: una relazione sentimentale e professionale durata dodici anni, molti dei quali passati a bordo di un furgone viaggiando attraverso l'Europa, senza un soldo. Un legame che arrivò al drammatico epilogo sulla Grande Muraglia cinese. La storia di Marina Abramović, commovente, epica e ironica, parla di un'incomparabile carriera artistica che spinge il corpo oltre i limiti della paura, del dolore, dello sfinimento e del pericolo, in una ricerca assoluta della trasformazione emotiva e spirituale. Esso stesso straordinaria performance, ''Attraversare i muri'' è la rappresentazione vivida e potente della vita di un'artista eccezionale.
Questi titoli sono disponibili presso la libreria Orti Letterari | Punto Einaudi all'interno di Anteo Palazzo del Cinema (via Milazzo, 9). 
Puoi anche prenotare il tuo libro online, scrivendo a ortieinaudi.anteo@gmail.com e ritirarlo presso il nostro negozio.
Ti aspettiamo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18 e sabato dalle 10 alle 14.

The space in between - MARINA ABRAMOVIĆ and Brazil di Marco Del Fiol

In programmazione su #iorestoinSALA, il film in cui Marina Abramovic viaggia attraverso i luoghi mistici del Brasile, alla ricerca di comunità spirituali, persone e luoghi magici.

Manifesto di Julian Rosefeldt

In programmazione su #iorestoinSALA il film che mette in scena i manifesti artistici e politici di differenti periodi storici, raccontati attraverso l'interpretazione di tredici personaggi differenti da parte di Cate Blanchett.

Ulay performing life di Damjan Kozole

In programmazione su #iorestoinSALA il documentario su Ulay, un artista, fotografo e accademico tedesco, considerato una delle figure chiave della performance art degli anni settanta, recentemente scomparso.

Dangerous act - starring the unstable elements of Belarus di Madeleine Sackle

In programmazione su #iorestoinSALA un documentario composto da filmati e interviste censurate su una una compagnia teatrale bielorussa messa fuorilegge dal governo perché "sovversiva".

SEGUICI ANCHE SU